PRESTITI IMPRESE

I prestiti per imprese si ripartiscono in due tipologie, suddivise a loro volta rispetto allo scopo cui sono finalizzati:

  • fusioni, joint ventures, creazioni e/o cessioni di rami d’azienda, acquisizioni;
  • ristrutturazioni aziendali:
    • per imprese in forte crisi di liquidità, con flussi di cassa positivi ma con perdite nel breve periodo dovute ad un’asincronia tra le entrate e le uscite, nonostante il conto economico presenti una situazione generale di attivo;
    • per imprese in vera e propria crisi economica.

Prestiti Imprese – per ristrutturazione aziendale

Le banche, soprattutto quelle d’affari, possono a favore delle aziende in ristrutturazione, oltre che attraverso i prestiti per imprese, anche tramite altre leve (comprese i presti online):

  • operazioni sulle attività (cessione dei crediti, vendita di immobili e di beni non operativi, cartolarizzazioni che consistono in una cessione di crediti sul mercato tramite una SPV “Special Purpose Vehicle”);
  • operazioni sulle passività (conversione dei debito in azioni private non rivolte alla borsa -ovvero non rivolte al mercato finanziario, soggetto per sua stessa natura alla speculazione-).